Hellooo!

ottobre 10, 2018 0 Di Edoardo Bernascone

Non sono abbastanza silenzioso. Un bambino mi avvista all’entrata del villaggio e urla hellooooo! Tutti i bambini del paese improvvisamente smettono di fare quello che stavano facendo e mi corrono incontro. Sembra un’orda. C’è chi continua a strillare hello, altri akkuda (da dove vieni in russo) e altri ancora what’s your name. La trafila è ormai la stessa da settimane ma questa volta c’è qualcosa di diverso. Un bambino non dice niente, mi guarda dritto negli occhi, e dopo un attimo mi fa il dito medio! Ci metto un po’ a realizzare e li per li non ci credo. Mi giro, lo fisso ancora e mi manda nuovamente a quel paese. Non dico niente ma rifletto sugli effetti collaterali di un turismo in rapida ascesa. Il turismo in Tajikistan e passato da 0 a 100 nel giro di qualche anno. una volta ottenere il visto era complicatissimo ora invece basta riempire una roba online, pagare e il gioco è fatto. Ho la sensazione di essere un dollaro che cammina più che in Kyrghistan o in Mongolia dove mi è parso di trovare un’ospitalità più genuina e sincera. Turismo e educazione purtroppo non vanno di pari passo.